La Conferenza Stato – Regioni, al fine di garantire uniformità dei percorsi di accesso sanitario e di assistenza immigrati in Italia, ha sancito l’Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome recante per l’appunto “Indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle Regioni e Province autonome italiane”.

L’Accordo si è reso necessario in seguito al riscontro di alcune difformità di accesso alle cure tra le diverse aree del territorio nazionale. Pertanto, pur nelle prerogative di programmazione e legislazione spettante alle Regioni, come previsto dalla riforma del titolo V della Costituzione, l’iniziativa ha coinvolto direttamente il livello statale deputato a garantire l’equità nell’attuazione del diritto alla salute sancito dallo stesso dettato costituzionale. L’elaborazione di questo documento è il risultato di alcuni anni di ricerca sulle diverse normative esistenti nel nostro Paese ai vari livelli da parte del Tavolo interregionale “Immigrati e servizi sanitari” istituito nell’ambito del progetto “Promozione della salute della popolazione immigrata” voluto dal Ministero della Salute. Il testo, completo di modulistica, contempla i diversi casi di cittadini stranieri per i quali è prevista l’iscrizione obbligatoria e volontaria al Servizio Sanitario suddividendoli in non appartenenti e appartenenti all’Unione Europea, compresi coloro per i quali non è possibile procedere all’iscrizione stessa (cittadini non comunitari soggiornanti per periodi inferiori a tre mesi e per cure mediche).

Leggi tutto »

Letto: 1.005 | Categoria: Salute

L’Italia non può crescere senza il contributo dei giovani. Per questo motivo, se si vuole favorire la crescita economica e l’occupazione giovanile, la formazione deve essere al centro delle politiche del paese. Scuola, università, formazione e lavoro devono diventare centrali nel dibattito pubblico e uscire dalla scarsa considerazione in cui sono state tenute anche nel corso di questa campagna elettorale. Indicare soluzioni praticabili e condivise è un primo passo essenziale. Nei paesi più avanzati, inoltre, non c’è innovazione senza consenso sociale. Questa è la motivazione che ha spinto Confindustria, CGIL, CISL e UIL a sottoscrivere un documento d’intenti sulla formazione, i giovani e la crescita.

Con la firma del documento d’intenti “Una formazione per la crescita economica e l’occupazione giovanile”, Confindustria, CGIL, CISL e UIL hanno individuato indirizzi comuni per sostenere l’innovazione nei campi dell’orientamento, dell’istruzione tecnica e professionale, della professione insegnante, dei poli tecnico professionali e degli ITS, dell’apprendistato e dei Fondi Interprofessionali.

Leggi tutto »

Letto: 1.143 | Categoria: Lavoro

Iscrizioni aperte per il  Corso di Alta Formazione in Comunicazione di Moda con inizio il prossimo 27 Febbraio. Rivolto a laureati, laureandi, diplomati ed operatori del settore, la durata del Master in Comunicazione di Moda, in collaborazione con Vogue Talents, è di 400 ore. Lezioni in aula, seminari, partecipazione ad eventi, atelier e showroom, incontri con professionisti del settore, il corso in Comunicazione di Moda consente all’allievo di essere a diretto contatto con le realtà lavorative del mondo della Moda e della comunicazione promosso dall’Accademia.

Strategie di Comunicazione, Social Communication, Giornalismo, editoria, web 2.0, Pubbliche relazioni e ufficio stampa, Organizzazione eventi, Fashion blog, Fotografia e video di Moda, alcune fra le principali tematiche di studio affrontante durante il percorso formativo. Gli sbocchi professionali previsti dal master di Comunicazione di Moda sono molteplici e prendono in considerazione l’evoluzione constante delle figure della comunicazione all’interno del comparto Fashion e Design: Fashion Editor, Press office & PR, Fashion Stylist, Event Fashion Manager, Fashion Marketing Consultant, figure professionali in grado di curare e gestire l’identità visuale di un brand, di un fashion magazine, di pianificare e realizzare eventi globali di promozione.

Leggi tutto »


Grazie all’accordo tra il Gruppo Sisal dell’AD Emilio Petrone e la Wwf, la più grande organizzazione no-profit per la conservazione della natura, sarà attivato presso tutti i Punti Vendita di SisalPay un nuovo servizio di pagamento in favore di Wwf Italia onlus.

Il circuito SisalPay, della rete di Sisal, offrirà ai clienti, tramite i suoi 42.000 Punti Vendita dislocati lungo il territorio nazionale, una nuova modalità per sostenere l’associazione Wwf, la più grande organizzazione mondiale per la salvaguardia del nostro pianeta. In pochi istanti sarà possibile confermare, mediante una donazione, il proprio sostegno a Wwf Italia supportando le diverse iniziative sul territorio promosse a tutelare il nostro patrimonio ambientalistico e naturale. Wwf è attualmente impegnata in diverse linee d’azione, in Italia e nel Mondo, intese alla realizzazione di una crescita qualitativa e soprattutto sostenibile dei diversi Paesi.

Leggi tutto »

Letto: 1.233 | Categoria: Aziende

Un osservatorio a cura del Dipartimento Mercato del Lavoro di Cisl Nazionale e del Centro Studi Cisl di Firenze per fotografare l’andamento delle politiche attive sul lavoro, degli ammortizzatori sociali, delle misure di sostegno ai lavoratori. Cisl presenta un monitoraggio mensile dei dati sulla cassa integrazione e sull’occupazione, analizzati su base settoriale e per area geografica, al fine di indagare l’andamento delle dinamiche occupazionali e l’utilizzo degli ammortizzatori sociali in Italia.

E dalla rilevazione dei dati raccolti emerge che nel mese di dicembre le ore autorizzate alla cassa integrazione diminuiscono rispetto al precedente mese di novembre e che una simile flessione si ripropone per tutte le tipologie previste di cassa integrazione: Cigo (cassa integrazione ordinaria), Cigs (cassa integrazione straordinaria) e Cigd (cassa integrazione in deroga). La cassa integrazione ordinaria è a -20%, la cassa integrazione straordinaria a -27%, e la Cigd (cassa integrazione per lavoratori di determinati settori o specifiche aree geografiche che non rientrano nell’ordinaria) a -7%. Numeri elevati comunque interessano il totale ore autorizzate di cassa integrazione (circa un miliardo), il che dimostra da un lato la grave situazione in cui si ritrovano aziende, lavoratori e dipendenti e, dall’altra, la necessità di urgenti politiche attive lavoro.

Leggi tutto »

Letto: 1.113 | Categoria: Lavoro

In merito all’inchiesta giudiziaria della Procura della Repubblica di Milano che coinvolge Saipem per attività in Algeria, Eni prende atto che la Procura ha esteso le indagini anche nei confronti di Eni e del suo Amministratore Delegato Paolo Scaroni. Eni e il suo Amministratore Delegato Paolo Scaroni si dichiarano totalmente estranei alle vicende oggetto di indagine.

Già a fine novembre 2012, alla notizia dell’indagine per asserita corruzione internazionale in relazione a progetti di Saipem in Algeria, Eni si è immediatamente attivata raccomandando alla propria controllata Saipem, nel rispetto della sua autonomia in quanto società quotata, di mettere in atto tutte le più’ opportune azioni di verifica interna, di cooperazione con la magistratura e di discontinuità organizzative e gestionali, che hanno portato alle dimissioni e licenziamento di diversi ruoli apicali di Saipem coinvolti nelle attività oggetto di indagine. Eni ha inoltre direttamente fornito, e continuerà a fornire la massima cooperazione alla magistratura.

Letto: 1.248 | Categoria: Aziende